The ArchIDEA | Tra maioliche e ceramiche
1333
post-template-default,single,single-post,postid-1333,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Tra maioliche e ceramiche

Tradizione e modernità: una delle principali e più impegnative sfide di noi architetti. Un dualismo complesso, talvolta apparentemente antitetico. Quella perfetta armonia tra gli opposti dall’equilibrio sottile, non facile da raggiungere ma oggi sempre più ricercata, quasi necessaria. Tra lo studio degli spazi, la voglia di originalità e il bisogno di soddisfare le esigenze compositive e al contempo pratiche che ogni progetto di interior design richiede, far dialogare allur contemporaneo e tradizione non è esattamente quel che si dice “una passeggiata”. Soprattutto quando ci si trova ad operare in un territorio, come il nostro, che si porta dietro un genius loci così fortemente caratterizzante: la Sicilia. Quel Sud le cui sfaccettature sono sempre immediatamente riconoscibili, e a cui noi siamo tremendamente affezionate.  È lì, in quel punto esatto, a cavallo tra due mondi, che un ambiente minimal si scalda con un pavimento in maioliche decorate. Al terzo piano di una villetta unifamiliare, su un terrazzo vista Eolie, il rifacimento della zona giorno è stato occasione per stendere un tappeto di maioliche su uno sfondo neutro. Nella cucina, quasi a celebrarne l’importanza per la padrona di casa, i decori prendono il sopravvento, sfumando gradualmente verso living e terrazzo.

Poco lontano, il desiderio di una figlia di avere i genitori ormai anziani più vicini ha spinto due veri isolani a lasciare il paradiso di Panarea per tornare nel cuore della Sicilia, un “viaggio” da un’isola a un’altra che si ripercuote sulle scelte materiche per il nuovo appartamento. Alla fine della ristrutturazione, ancora in corso, una cucina essenziale dalle linee pulite accoglierà uno splashback dal sapore vintage. Quasi una tela su cui far esplodere quel tripudio di colori vivaci e smalti brillanti tipico della tradizione sicula.

L’attaccamento alle radici e alle tradizioni locali non deve però essere inteso in modo totalizzante, ponendo  vincoli alla modernità e contemporaneità. Così, la ristrutturazione della casa-vacanze di due siciliani ormai da anni trasferitisi in Canada, è stata effettuata prediligendo elementi semplici ed essenziali, ma in una parete attrezzata total white, altrimenti asettica e impersonale, non può mancare una testa di moro dipinta a mano!

 


 

Le immagini  e i progetti contenuti nell’articolo sono a cura di thearchideastaff.

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.