The ArchIDEA | Seven doors by Nendo
777
post-template-default,single,single-post,postid-777,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Seven doors by Nendo

Porta: apertura attraverso la quale si entra o si esce da un luogo; in particolare, serramento, per lo più a uno o due battenti, che si applica a questa apertura.

Aprendo qualsiasi dizionario alla voce “porta” troveremmo una definizione simile a questa.

Ed è questo che sono, da sempre, le porte: elementi che, se aperti mettono in comunicazione tra di loro due ambienti, se chiusi li isolano.

 

Ma il cambiamento è “alle porte”! E ha il nome di NENDO, studio di interior design guidato dall’architetto Oki Sato, in collaborazione con l’azienda abe kogyo, in occasione del 70esimo anniversario dalla sua fondazione.

Nendo non si è limitato a disegnare delle belle porte, ma ha creato 7 nuovi modi di intendere questo elemento!

Lamp door

Integrare una lampada alla porta…un’idea così semplice che chiunque poteva proporre….la genialità consiste nell’averla proposta per primo!

Baby door

Una porta dalla doppia anima…o meglio dalla doppia statura! Il concept di base è quello di creare un passaggio a misura di bambino, integrato nella normale porta. I bambini potranno utilizzare la loro porticina, gli adulti le apriranno entrambe. Difficile pensare di poterla utilizzare in un’abitazione privata, ma sicuramente un’ottima proposta per tutti gli spazi dedicati ai bambini come le scuole di prima infanzia.

Slide door

Una porta chiusa isola due ambienti, una porta aperta li collega…ma tra bianco e nero ci sono infinite sfumature di grigio. La porta slide presenta 3 fasce scorrevoli autonome che possono creare dei varchi tra gli ambienti. Lasciando piccoli spazi sarà possibile, ad esempio, far passare delle correnti d’aria, aprendoli completamente si può creare una vera e propria finestra.

Hang door

Una lastra metallica all’interno della porta permette di appendere (hang in inglese significa proprio appendere) mensole e vasi rendendo la porta un vero e proprio oggetto contenitore. Soluzione ideale per chi scorda sempre qualcosa…che siano le chiavi, l’orologio o mettere l’acqua alla pianta e se ne ricorda un attimo dopo aver messo il piede sul pianerottolo.

Kumiko door

Kumiko è una tecnica di assemblaggio della tradizione giapponese; la porta pensata da Nendo si compone di una particolare struttura interna lasciata a vista in un angolo della porta e poi gradatamente coperta dal pannello. In questo caso i due ambienti saranno sempre in comunicazione tra di loro.

Wall door

Da qualche anno hanno fatto la loro comparsa sul mercato le porte scorrevoli e a filo che si integrano completamente con la parete fin quasi a non essere percepite. Nendo porta questo concept ad un livello successivo associando alla porta mensole e cornici.
Attenzione: aprire con cura! Una porta sbattuta con troppa forza potrebbe comportare una strage di ninnoli!

Corner door

Una porta posta nell’angolo della stanza, proprio nel punto di incontro delle due pareti, modifica la percezione dello spazio interno una volta varcata. Una soluzione ideata soprattutto pensando ai diversamente abili, per rendere più agevole l’attraversamento con la sedia a rotelle.

Qual è la vostra preferita? Ditecelo nei commenti!


Tutte le immagini inserite sono state reperite online. Nel rispetto delle rispettive licenze di copyright inseriamo di seguito tutte le fonti:

1-29. http://www.nendo.jp/en/works/seven-doors/?erelease

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.